Non ancora registrato? Registrati per i Servizi Premium o esegui il Login
Segui Syscout su Facebook Segui Syscout su Twitter
Share

Syscout: costruisci la tua strategia

Due tools per creare strategie di segnali. 1: il Bottom-Up

Nel comporre la propria aggregazione di segnali si può seguire un percorso dal basso che parte da un’indicazione esplicita e puntuale dei titoli che si vogliono inserire in lista.
Questo approccio non presuppone l’utilizzo di filtri e di regole di aggregazione ma lascia all’utente la piena libertà di selezione. E dunque la lista che ne deriva non ha incluso il servizio di automanutenzione, implicito quando il processo di selezione è affidato ad una regola. L’effetto è che con frequenza almeno semestrale la lista generata con questo primo tool necessita comunque di una revisione rispetto ai titoli selezionati per assicurare un ritorno complessivo continuativamente efficace. Più in generale questo non è detto, perché nell’intenzione degli sviluppatori si vuole assicurare che l’utente possa chiedere per alcuni prodotti che siamo sempre contenuti in portafoglio. Sono delle forzature liberamente impostabili dall’utente che chiede di non sottoporre allo stock picking alcuni prodotti in portafoglio.
Per questa ragione si consiglia sempre di utilizzare un portafoglio bottom-up con uno top-down.
Il processo bottom-up inizia, tramite la navigazione sul sito, con la consultazione di tutte le sottoliste di segnali individuate dalla tripletta di coordinate time frame – asset – algoritmo, per ognuna delle quali l’utente se crede seleziona il titolo o i titoli di interesse.
E’ possibile anche non selezionare alcun titolo per il sottogruppo di riferimento.
Il processo si completa con la selezione dei pesi INTRA-OVER per la scelta sulla modalità di mix tra i due timeframes disponibili; poi sulla selezione dei pesi sui tre sistemi disponibili; e infine sulla selezione dei pesi delle asset classes:

  • Azioni italiane ad altà volatilità: beta maggiore di uno ma sempre azioni tra le 40 bluechips, quindi sempre azioni ad alti volumi di scambio. Non seguo piccoli titoli, difficili da seguire in trading;
  • Azioni italiane a media volatilità: beta intorno al valore uno o poco maggiore, ma sempre azioni tra le 40 bluechips, quindi sempre azioni ad alti volumi di scambio;
  • Azioni italiane a bassa volatilità: beta inferiore al valore uno o poco minore, ma sempre azioni tra le 40 bluechips, quindi sempre azioni ad alti volumi di scambio;
  • Indici azionari: su futures, etf o cfd di indici;
  • Commodities (materie prime): su futures, etf o cfd;
  • Cross valutari: sul mercato del forex;
  • Bonds: derivati o cfd su bond governativi;
  • Azioni internazionali: bluechips americane ed europee;

Ma sono a disposizione anche fondi italiani, esteri ed etf.
Sarà a breve possibile consultare una guida video per una spiegazione più esaustiva e passo-passo della modalità di composizione Bottom-Up.

...
...

Si è verificato un problema:

...

Mostra i dettagli Nascondi i dettagli

...

Nel Wallet Store trovi una ricca descrizione dei portafogli disponibili su Syscout.
Seleziona una riga del catalogo (o l'icona all'inizio di essa): potrai avere un primo sommario dei Trading, dei Timeframe e delle Asset, con un grafico ad anelli.
Scegli apri... su un elemento del catalogo: accederai ad un'ampia sezione di dettaglio, dove vedrai tutti i parametri del portafoglio selezionato in maniera chiara.